Gli ultimi articoli

corriere-it

Terremoto al Corriere.it. La grafica ha fatto flop e il direttore Gori…

In Gossip il 07 agosto 2014, 16:41 0 Commenti
Martedì scorso mi sono fatto un giro a Milano. Dovevo vedere un po' di amici portaborse che durante l'anno fanno i pendolari tra Piazza Affari e i Palazzi della politica nella Capitale. Stanno tutti in fibrillazione per la Crescita che è finita sotto zero. Nell'ambiente non si fa che ripetere: da settembre inizia la discesa di Renzi, la luna di miele è già durata abbastanza. Possibile. Ma settembre sembra ancora lontanissimo. E questa settimana a Milano c'è un altro terremoto da affrontare. Mi racconta un collega che i dati delle visite del sito web del Corriere della Sera non vanno bene. Gli ultimi mesi hanno fatto sbarrare gli occhi agli azionisti e in redazione si respira una pessima aria. Iacopo Gori, che è al timone del corriere.it, potrebbe rischiare qualcosa. Allora mi son detto: facciamocsi un giro in via Solferino. E così ho fatto. La sede del Corriere ha sempre il suo fascino, peccato che farà la fine che conosciamo. Sono entrato e la signorina mi ha accolto come sempre con un sorriso. Attendo due minuti e salgo. Primo piano. E' il piano nobile. Sulla destra c'è la stanza del direttore De Bortoli, che tra qualche mese farà le valigie (poi un giorno vi racconterò del suo successore). No, non sono andato da lui. Non mi sono seduto sulla poltroncina in pelle a destra e davanti alla sua scrivania. Sono andato dalla parte opposta. A sinistra, lungo il corridoio, c'è invece la storica sala riunioni. Sembra ancora di udire il caos delle macchine da scrivere che ora sono un ricordo su qualche foto d'epoca. Io vado ancora avanti lungo il piano ed entro in una porta, poco più avanti.  Mi confermano quello che mi avevano accennato. Il corriere.it ha catalizzato tante lamentele negli ultimi mesi. Sia dal punto di vista grafico sia dal punto di vista dei contenuti. E i dati delle visite non hanno raggiunto i risultati previsti dal cambio di grafica. Del resto già nel marzo scorso, quando è stato lanciato il nuovo portale, erano piovute critiche amplificate dal tam tam su Twitter. Ma sarebbero state le ultime tre settimane a far maturare una decisione importante dentro la redazione di via Solferino. A quanto pare il caporedattore Iacopo Gori, che ha pieni poteri sul sito web, potrebbe essere trasferito in un'altra area del giornale. I più maligni invitano a vedere il suo profilo Twitter dove non ha neanche un migliaio di follower e quando scrive viene seguito da pochissimi. Troppo poco per un responsabile del corriere.it. Sarà tutto vero? Di sicuro quelli del Gruppo Rcs hanno capito che l'attuale grafica del sito non ha attecchito, non ha funzionato. E allora bisogna tornare indietro alla vecchia grafica in attesa di un progetto migliore. Il dopo-Gori potrebbe essere già iniziato.
boschiocchi

Maria Elena, la fidanzatina d'Italia che Renzi ormai spedisce anche a inaugurare le sagre. Ma è lei la vera "rivale" di Matteo

In News il 05 giugno 2014, 12:51 0 Commenti

Confesso: a me gli innamoramenti collettivi non sono mai piaciuti. Mi ricordano le sette religiose, le dittature, evocano in me la mancanza di criticità del pensiero collettivo. In fondo, dietro questo impermeabile da impiegato del catasto in pensione, si cela un animo da rivoluzionario: quando vedo tutti che la pensano allo stesso modo mi piglia una diffidenza istintiva e in me scatta una sana e inconsapevole libidine di contraddizione. (altro…)

pinotti

La ministra Pinotti colleziona gaffe nella riunione della Nato. Poi abbandona i lavori lasciando nello sconcerto i colleghi...

In News il 04 giugno 2014, 19:48 0 Commenti

Ecco, ci risiamo. Non faccio in tempo a riprendermi dalla figuraccia delle raccomandazioni di Rehn che mi tocca affrontarne un'altra. Protagonista questa volta la ministra Roberta Pinotti, ieri alla Ministeriale Nato a Bruxelles. Pare infatti che la nostra responsabile della Difesa le abbia in realtà giocato in attacco, a suon di gaffe e bombone diplomatiche sparate a vuoto in sede internazionale.

(altro…)


lett

Italia promossa a Bruxelles? Ma quando mai! Ecco i veri "giudizi" che i giornalisti e i politici italiani fingono di ignorare

In Affari il 04 giugno 2014, 11:19 0 Commenti

Da quando sono uscite le raccomandazioni della Commissione Europea, quelle sulle procedure e i conti degli Stati Membri, mi interrogo per capire in che posizione siamo. Io sono un portaborse dall'animo semplice, non mi intendo di macro economia, non mi basta leggere i giornali. Per capire cosa succede ho bisogno di interrogare tutti, e di farmi spiegare. (altro…)

nido

Qualcuno volò sul "nido" del paracuculo. Renzi dà via libera all'asilo di Palazzo Chigi per dodici fortunatissimi bambini...

In News il 04 giugno 2014, 09:00 0 Commenti

L'anno scorso, forse su denuncia di qualche genitore incazzato per essersi visto passare davanti il figlio di qualche sottosegretario, l'asilo nido "Qui, quo, qua" della Galleria Sordi, direttamente sotto la giurisdizione di Palazzo Chigi, fu chiuso dall'Asl con un provvedimento che suscitò grande clamore.Le motivazioni? Questioni di mensa, alimenti, spazi...

(altro…)

re

Juan Carlos "berluscones" ha lasciato regno, scandali e topa: tranquilli, non gliene frega niente manco agli spagnoli

In News il 03 giugno 2014, 10:46 0 Commenti
Proprio nel giorno della festa della nostra Repubblica, anniversario di quel referendum del 1946 che proclamò la fine della monarchia Savoja, prima volta in cui in Italia votarono anche le donne, sono rimasto  tramortito da un annuncio. Re Juan Carlos di Borbone, sul trono di Spagna da 39 anni, abdica in favore del figlio Felipe. Rimango basito, ma come, un Borbone che abdica? Ma quando mai... (altro…)